DI CHE BIONDO SEI?

Se sia vero che “gli uomini preferiscono le bionde” preferiamo non indagare. Certo è che da Marilyn Monroe a Sharon Stone passando per Brigitte Bardot, le più grandi icone glamour sono… bionde. Naturale o ”artificiale” che sia, poco importa, dichiarano all’unanimità i colorists di Equipe Vittorio – è innegabile che questo colore possiede un potere di seduzione e d’attrazione ineguagliabile e sono davvero numerose le clienti di tutte le età che ce lo richiedono. Platino, miele, cenere, può essere declinato in mille sfumature, arrivando fino allo strawberry ma in generale, tutte possono essere ricondotte a cinque “biondi base”, una tavolozza di cromie “fondamentali” a cui i professionisti attingono per realizzare una nuance rigorosamente personalizzata, spesso ulteriormente boostata da riflessature inedite ed effetti di chiaroscuro, conturing, opal o metallici.

BIONDO CENERE
È un biondo “in profondità”, molto luminoso, che sottolinea e valorizza la carnagione, dicono da Equipe Vittorio è il colore di Sarah Jessica Parker e si armonizza perfettamente sia con un incarnato rosato che dorato.

BIONDO PLATINO
Più difficile da portare è il simbolo del fascino e del rock’n roll. Le icone che incarnano meglio questo spirito sono la top model Cara Delevingne, la pop star Katy Perry e l’attrice Kristen Stewart. Per valorizzare questa tonalità è necessario avere un taglio adatto, un look corto (c’è chi osa addirittura un cut rasato) o un carré dritto. Uno stile curato e pulito -affermano gli hairstylists – così come il colore, perchè il biondo platino non perdona nulla e richiede molte attenzioni. Questa nuance è perfetta per gli incarnati rosa pallido o pesca leggermente dorato.

BIONDO DORATO
Come rivela in suo nome, questo tipo di biondo è estremamente luminoso e per questo regala éclat e consistenza alla capigliatura. È il colore di Cameron Diaz, ma imitarla – ricordano i professionisti del team Equipe Vittorio – non è per tutte perchè non si accorda con tutte le pelli. Le epidermidi dorate, chiare, rosate o porcellana potranno concederselo, mentre quelle più scure o olivastre dovranno resistere alla tentazione. Il rischio è quello di ritrovarsi con un effetto finale “pulcino” o “bebé”, una caduta di stile che è meglio evitare.

BIONDO VENEZIANO
È un “cugino” del rosso. Questo colore biondo, infatti, così ben sfoggiato da Nicole Kidman (agli inizi della sua carriera, prima che cedesse a un più hollywoodiano biondo lunare), lascia intravedere dei riflessi leggermente “fiammeggianti”. Sfumatura molto sofisticata e chic, rappresenta il romanticismo e si addice a meraviglia alle carnagioni beige dorato o rosato.

BIONDO CALIFORNIANO
Possedere il “californian touch”, il tocco californiano, non è un dono della natura ma il frutto di una seduta dal parrucchiere. Questo biondo “sunkissed”, ovvero “baciato dal sole” è un balayage che allea radici scure e punte chiare, un mélange assolutamente glamour ed ultra-femminile. Da ricordare però che richiede un po’ di dedizione e deve essere curato scrupolosamente: le radici, anche con il passare del tempo, devono rimanere sempre “discrete” e non prendere mai il sopravvento sul resto della capigliatura. Il prezzo da pagare, secondo gli esperti, è il rischio di ritrovare con un look dall’aria trasandata.

STRAWBERRY BLONDE
Come anticipa il suo nome è una nuance…. “golosa”. Ovvero un biondo fragola, meno intenso di un rosso ginger o del rame, non audace quanto un vero pink (sopratutto se in versione rosa bubblegum o pastello), ma più dorato del platino e più originale del miele. Potremmo quasi definirlo un “gold rose”, oro rosso, un perfetto mix tra vivacità e raffinatezza. Complice del glamour di chi possiede una carnagione chiara ed occhi verdi i castani, è il colore scelto da molte celebrities: Emma Stone, Jessica Chastain, Amy Adams, Blake Lively, Adele e Rachel McAdams.